TSAR: la mia esperienza

TSAR: la mia esperienza

Durante il mio soggiorno di tre giorni a Falkensteiner Stegersbach, mi è stato recentemente permesso di usufruire del programma TSAR con la fondatrice Sonja Ruprah.

Non avevo mai sentito parlare di questo tipo di allenamento prima di allora ed ero molto ansioso di scoprire di cosa si trattasse.

TSAR: “the secret of regeneration” si basa sul principio della rigenerazione. Si può ottenere il massimo e utilizzare il 100% della forza solo se le si dà il tempo di rigenerarsi e attivare le aree muscolari inattive.

Il primo TSAR inizia con un’analisi delle competenze corporee eseguita dalla trainer stessa. Tutto quello che si deve fare è stare in posizione eretta, per poi essere analizzati da capo a piedi. Questo permette di rilevare curve di tensione ed eventuali posture difensive o errate. Quindi, viene creato un piano di allenamento o vengono mostrate opzioni su come evitare queste tensioni o ottimizzare la postura.

TSAR passivo

La settimana prima di poter provare il sistema TSAR ho avuto forti dolori alla schiena nella regione lombare inferiore, quindi per prima cosa abbiamo agito su questo problema.

Come la trainer aveva già notato durante l’analisi delle competenze corporee, le mie spalle cadevano troppo in avanti e si stava formando una cavità dorsale nella parte inferiore della mia schiena. Questa potrebbe essere la causa dei miei dolori lombari.

Per il trattamento TSAR, mi ha poi appiattito sul pavimento e mi ha aiutato ad entrare nella giusta postura, molto dolcemente e lentamente. Era incredibile quanto fosse naturale la postura ottimizzata. Ho quindi provato di nuovo a incurvare la schiena, e solo allora ho notato quanto fosse estenuante. Non c’è da stupirsi che in questo modo si perda molta forza fisica.

TSAR attivo

La trainer non ha chiarito un mio ulteriore dubbio durante l’analisi delle competenze corporee, perciò ho deciso di affrontare la questione io stesso.

Sebbene io abbia fatto molti sport per diversi anni e stia attivamente rafforzando il busto e i muscoli addominali, trovo estremamente difficile fare sit-up. Non riesco praticamente a tirarmi su.

Qui entra in gioco la fascia TSAR. Si tratta di una resistente fascia in tessuto che fornisce supporto durante gli esercizi. Con essa, sono riuscito a controllare attivamente i piccoli gruppi muscolari che sono necessari durante gli esercizi di sit-up, e così ho potuto facilmente fare piccoli esercizi di preparazione.

Il concetto di TSAR è straordinario, e i suoi effetti non sono da sottovalutare. Vogliamo sempre dare il 100% ed essere assolutamente efficienti, ma allo stesso tempo non abbiamo pace e ignoriamo i segnali che il nostro corpo ci invia. TSAR è un ottimo modo per rigenerare il corpo, ma allo stesso tempo per diventare attivi e controllando attivamente le aree muscolari più piccole per ottimizzare la postura e l’allenamento.

Lo consiglierei a chiunque!

Close
Close