Caro inverno, sei quanto di più distante esista da me!

Falkensteiner Hotel & Spa Bad Leonfelden

Non fraintendetemi: da bambino amavo l’inverno. I primi fiocchi di neve, l’atmosfera del Natale e le gare in slittino. Ma allora come oggi, c’era un aspetto negativo: la tuta da sci e il suono fastidiosi dello sfregare del tessuto su se stesso. Non c’è altro suono che mi susciti così tante emozioni. Da un lato la nostalgia dei bei tempi andati e della fine degli anni ’80, dall’altro, una sorta di fastidio totale. Perché quel fruscio è abbinato a ricordi di dita fredde e rosse, calzamaglie bagnate e passamontagna incredibilmente graffianti che ancora perseguitano i miei incubi. Ma in qualche modo la neve e tutto il resto mi hanno fatto passare la voglia della stagione fredda. Lo ammetto, io e l’inverno siamo diventati due mondi opposti!

Ma ora vivo in un Paese in cui, da un lato, l’inverno dura molto a lungo e, dall’altro, ogni tipo di attività invernale fa parte della cultura. Sono quindi circondato da amanti dell’inverno provenienti dal paese e dall’estero. Sono entusiasti della bellezza dell’inverno e non vedono l’ora di sciare, ciaspolare, realizzare pupazzi di neve e bere punch. Naturalmente, non riesco a tenere il passo. Il freddo mi entra nelle ossa e il bagnato mi fa sempre star male. Guardo tutti con un misto di scetticismo e disappunto.

Ecco quindi la mia lista inappellabile di cose che dell’inverno proprio non mi piacciono:

#1: Poche ore di luce

L’inverno è buio, freddo e scomodo. Non c’è niente da fare. Credo nella saggezza popolare che porta molti ad affermare: “Oh, non sopravviverà al prossimo inverno!”. Spesso a ottobre, ma al massimo a novembre, mi innervosisco e inizio a fare incetta di integratori di vitamina D in preda al panico. Perché poi ricomincia. L’età oscura. Quello che sembra così romantico, con una coperta e delle candele, in realtà è vivere nella luce artificiale. Alzarsi al buio, stare al lavoro tutto il giorno e poi tornare a casa nel buio più totale. Ricordo settimane, mesi, a quanto pare, in cui non avevo alcun contatto con la luce del giorno. Nemmeno le luci di Natale e il chiosco dei punch all’angolo aiutano.

#2: Al pari del brutto tempo, c’è un tipo di abbigliamento davvero brutto.

A parte il fatto che la maggior parte dell’abbigliamento funzionale che conosco fa emergere la sensazione di fruscio, non ho ancora trovato una combinazione di indumenti che possa dirsi tale: SÌ! È così che affronto le temperature sotto lo zero. Dopo mezz’ora al massimo all’aperto, ho i piedi freddi. E le dita fredde. E il mio naso e le mie orecchie iniziano a dare segnali sconfortanti.

uindi, quando mi convincono a fare un’attività invernale o a partire per una vacanza invernale, provo subito due sensazioni: wow, ho un sacco di cose da portare ma come farò a non morire di freddo? L’entusiasmo generale per gli sport invernali mi confonde. Preferisco quindi lasciare andare i miei cari e aspettare nell’area benessere con un buon libro e la mia playlist preferita nelle orecchie fino a quando la combriccola non sarà tornata dalla spedizione con una gran voglia di fare esercizio.

#3: La neve come un tappet oche copre ciò che c’è sotto (e che congela anche lo sporco).

Per me la neve è più che altro un costrutto teoricamente positivo. Brilla, ha un bell’aspetto e scricchiola bene se si ha la fortuna di essere i primi a camminarci sopra, ma in realtà è solo acqua molto fredda. Direi quasi che è l’acqua nella sua forma peggiore.

Soprattutto in città, la neve significa una cosa sola: fanghiglia grigia. E nel resto del Paese di solito è accompagnata da caos, interruzioni di corrente e valanghe – soprattutto quando le nevicate sono abbondanti.

Ma c’è un aspetto positivo dell’inverno: Ogni anno mi ricorda quanto aspetto l’estate. Conto le ore fino a quando le giornate si allungheranno di nuovo – sì, il solstizio d’inverno è come una piccola vacanza per me – i raggi del sole riprenderanno vigore e si potrà finalmente uscire di casa senza giacca. E poiché l’attesa è il piacere più grande, ho colto l’occasione per prenotare le mie vacanze estive a un prezzo vantaggioso grazie al bonus early bird. Così anche io posso sfruttare al meglio l’inverno.

Se non vedi l’ora che arrive l’estate, prenote ora la tua vacanza nella bella stagione e risparmia fino al 25%. Approfittane fino al 28 febbraio 2023!

Falkensteiner Hotel Montafon

Falkensteiner Hotel Montafon

Continua a leggere Prenota ora
Falkensteiner Hotel Schladming

Falkensteiner Hotel Schladming

Continua a leggere Prenota ora
Falkensteiner Hotel Kronplatz

Falkensteiner Hotel Kronplatz

Continua a leggere Jetzt Buchen
Close
Close