SOUVENIR DA VILLASIMIUS

La vita scorre lenta, a Villasimius, soprattutto d’estate. Non ci si sveglia presto, la mattina, e la colazione si è soliti gustarla in uno dei tanti tavolini sulla strada dei bar della piazza centrale. Poi, si va in spiaggia e non importa quale: sarà sicuramente tanto bella da farti emozionare.  

La vita scorre lenta, sì, a Villasimius. Dopo una giornata di mare, al calar del sole, la gente si riversa nelle stradine del piccolo borgo, ricco di negozi e botteghe. Ed è questo il momento ideale per una passeggiata, per un gelato artigianale, per lo shopping e per l’acquisto di souvenir in generale.

PORTO A CASA UN RICORDO

E’ impossibile andar via da Villasimius senza portare con sé un ricordo. Dalla ceramica, agli arazzi, dai cuscini decorati a mano ai tappeti lavorati “a pibiones”, una tecnica molto particolare attraverso la quale su una tela di fondo si intreccia un altro filo, detto tramone, che va a formare anelli in rilievo, detti appunto pibiones. Nota di colore: in sardo, la parola pibione significa acino d’uva! E poi ci sono i gioielli di filigrana, dai quali si rimane colpiti per il colore intenso e caldo del corallo, che da sempre abbonda nell’isola e che ha una lunga tradizione di lavorazione da parte degli artigiani locali.

Pinterest: fpx.it

PRELIBATEZZE ENOGASTRONOMICHE

Souvenir gettonatissimi sono anche gli alimenti della Sardegna; nella valigia del ritorno non mancheranno di certo bottarga e uova di muggine salate ed essiccate, ottime come antipasto o condimento per spaghetti. E a proposito di primi piatti, come non portarsi a casa i famosi malloreddus, gli gnocchetti tipici spesso preparati con sugo alla salsiccia? Messi sotto vuoto e facilmente trasportabili sono anche i formaggi tipici dell’isola, come il pecorino e il fiore sardo. Infine, conosciuto anche come carta da musica, è il pane carasau -il pane a sfoglia sottile- da dover essere portato a casa insieme a tutto il resto!

©Villasimius Turismo

Ah, ci siamo dimenticati il dolce! I buongustai non rinunceranno di certo agli amaretti, ai gueffus a base di mandorle e zucchero, alle pardulas formate da un guscio di pasta con ripieno di ricotta e zafferano, e alle pabassinas, biscotti di pasta frolla a forma di rombo, arricchiti con uvetta, mandorle e noci. Tutti a base di ingredienti locali, questi dolci si possono acquistare in qualsiasi panificio o pasticceria di Villasimius. E su richiesta, vengono anche confezionati per affrontare il triste viaggio del ritorno.

Close
Close