Le migliori cose da fare in Calabria

Qualche anno fa, per promuovere questa meravigliosa terra che si trova nel cuore del mare più praticato del mondo fin dall’antichità, una pubblicità diceva: “Calabria, Mediterraneo da scoprire”. Noi crediamo proprio che sia così: la Calabria è una regione per certi versi ancora misteriosa e poco battuta dalle rotte turistiche internazionali, ma conserva un patrimonio naturalistico, ambientale, storico e culturale incredibile e pieno di sorprese. Da qui sono passati tutti i grandi popoli dell’antichità, che attraversavano il bacino del Mediterraneo, e proprio in queste terre sono sorte le più floride ed importanti città greche, al di fuori della penisola ellenica. Ma oltre a questa grande enorme tradizione storica, la Calabria oggi è una regione che offre interessanti contrasti tra antiche pratiche marinare e sport acquatici contemporanei, tra cucina tipica e gourmet, tra quasi 900 chilometri di costa e alcune tra le montagne più importanti del sud Italia. Abbiamo provato a riassumere in questo articolo, alcune tra le migliori cose da fare in Calabria. Sicuramente ne mancheranno tante, e per questo magari torneremo presto sull’argomento! Intanto, iniziamo…

1) Visita di Tropea e gita in barca a Capo Vaticano

Se state pensando che partiamo con un suggerimento scontato, vi diciamo che la bellezza di Tropea e Capo Vaticano non è mai banale. Nei 40 km di litorale della Costa degli Dei, sono presenti tutte le tipologie di spiaggia del Bel Paese, e tra anfratti, calette, speroni rocciosi e un’acqua così cristallina da poter vedere le ombre dei corpi galleggianti anche ad una gran profondità, qui si potrebbe davvero trascorrere un’estate intera. Tropea è uno dei borghi più belli d’Italia, arroccato a strapiombo su una terrazza naturale rocciosa da cui si gode di un panorama unico al mondo. Tra vicoli e stradine, piazzette e piccoli larghi, numerosi sono i ristorantini e le attrazioni per turisti, sia di giorno che di notte. Capo Vaticano, invece, è forse una delle immagini più rappresentative della Calabria. Qui spiagge bianchissime interrotte da rocce a picco, acque turchesi e una macchia mediterranea al massimo del suo splendore, rendono davvero immancabile una visita in barca, anche perché le calette più belle sono raggiungibili solo via mare. Le due località si trovano molto vicine al nostro Falkensteiner Club Funimation Garden Calabria.

2) Il tartufo di Pizzo in piazza, davanti al castello

Ancora più vicina al nostro resort è la cittadina di Pizzo, dall’antico borgo che domina la costa vibonese, con splendide viste sui dintorni. Anche in questa località, di storia ne è passata tanta dalle probabili origini all’epoca della Magna Grecia alla dominazione aragonese, che ha lasciato testimonianza evidente con il Castello Murat.

Protagonista indiscusso nella storia della cittadina è comunque il celebre Tartufo, un tipico gelato alla nocciola che viene modellato rigorosamente nel palmo della mano, a forma di semisfera con un cuore di cioccolato fondente fuso e ricoperto da un spolverata di cacao amaro in polvere e zucchero. È stato inventato negli anni ’50 dello scorso secolo, ed oggi come allora è sempre un piacere assaporarlo nella piazzetta principale di fronte al Castello.

3) Kitesurfing a Gizzeria, dove si tengono i campionati mondiali

Per restare nelle immediate vicinanze del Falkensteiner Club Funimation Garden Calabria, a Gizzeria, sul Golfo di Sant’Eufemia, ci sono ampie spiagge e lidi attrezzati per il kitesurf. Le condizioni climatiche e soprattutto i diversi venti che soffiano per tutto l’anno, hanno reso Gizzeria una delle capitali mondiali di questo sport che coinvolge sempre più persone da tutto il mondo. Anche in periodi inattesi come l’inverno o l’autunno, qui è facile imbattersi in sportivi provenienti da paesi lontani. L’edizione 2019 della competizione mondiale è stata entusiasmante ed ha visto partecipare atleti da 19 paesi diversi. Per chi ama questo sport, Gizzeria è una meta da non mancare.

4) Visita al Lungomare e al Museo Archeologico Nazionale di Reggio Calabria

Reggio Calabria, capoluogo e città più popolosa della regione, è una della città più antiche d’Europa e fu la prima colonia fondata dai Greci nell’Italia meridionale. La sua posizione è a dir poco fantastica perché la città è adagiata su dolci declivi che arrivano sul mare e da qui si ha una meravigliosa vista sullo Stretto di Messina e sulla Sicilia jonica. Ciò che colpisce di più i visitatori è il lungomare della città che offre un panorama spettacolare da Messina all’Etna. Indimenticabili sono le eruzioni del vulcano viste da qui. Il fronte a mare della città è ricco di specie vegetali estremamente variegate. Il viale è adornato da palazzi in stile liberty. È inoltre arricchito da alcuni siti archeologici come tratti delle mura di cinta della città greca ed un impianto termale di epoca romana, e dall’arena dello Stretto, teatro in stile tipicamente greco che ospita eventi soprattutto nei mesi estivi. Chi visita la città non può perdere il Museo Archeologico Nazionale della Magna Grecia, dove sono custoditi numerosi reperti archeologici tra i cui i Bronzi di Riace, famosi in tutto il mondo.

5) I 3 parchi nazionali calabresi, tra alte rocce e altopiani nordici

La Calabria si associa immediatamente al mare, eppure questa regione ricca di sorprese annovera ben 3 parchi nazionali montani. Andando da nord verso sud, incontriamo prima il Parco Nazionale del Pollino, costituito da massicci rocciosi innevati per gran parte dell’anno, con bellissime località da visitare e una specie di conifera che vive abbarbicata sulla pietra, il pino laricio, unica al mondo. Tra le province di Cosenza, Catanzaro e Crotone si estende il Parco Nazionale della Sila: qui si resta stupefatti a pensare che nel cuore del Mediterraneo esista un altopiano ricoperto di enormi pinete che ricorda tantissimo scenari del nord Europa. Il Parco Nazionale della Sila è stato riconosciuto come Riserva della Biosfera dall’UNESCO. Nei centri visita del parco, è possibile ammirare anche numerose specie animali. Infine, il Parco Nazionale dell’Aspromonte protegge gran parte dell’area montana della provincia di Reggio Calabria, custodendo boschi meravigliosi con spettacolari viste sul mare.

6) Un paio di chicche sulla Sila

L’altopiano della Sila, è uno dei luoghi più visitati degli Appennini sia perché in estate offre molto relax e natura, sia perché in inverno si possono praticare sport invernali su sci e snow board, tra le località di Lorica, Camigliatello e Botte Donato. Il Parco Nazionale ospita spesso manifestazioni legate allo sleddog (avreste mai pensato di vedere le slitte trainate da cani sulla neve in Calabria?) cui prendono parte persone provenienti da tutto il mondo. Per chi visita la Sila, soprattutto in estate, un consiglio prezioso può essere quello di andare a vedere il tramonto in una delle bellissime spiagge bianche del Lago Cecita, avvolti solo dalla natura: uno spettacolo incredibile.

7) L’imperdibile Peperoncino Festival di Diamante

Passiamo all’ingrediente principale della cucina calabrese, che scherzosamente possiamo definire anche l’ingrediente principale del carattere dei calabresi: il peperoncino! Nella città dei murales, Diamante, sulla costa tirrenica cosentina, ogni anno a settembre si tiene il festival dedicato a questa prelibatezza calabrese che può essere assaggiato in tutte le salse. Tra impressionanti competizioni di mangiatori seriali, momenti di satira, stand sparsi per tutta la cittadina, spettacoli, mostre e convegni, il Peperoncino Festival è una kermesse famosa che ogni anno attira migliaia di visitatori. Quest’anno avrà luogo dal 9 al 13 settembre.

8) Il meglio del jazz mondiale al Peperoncino Jazz Festival

Come se non bastasse, il peperoncino diventa momento di unione anche in fatto di musica in Calabria. Sono ormai tanti anni che il Peperoncino Jazz Festival si è ritagliato una visibilità notevole sia in Italia che nel mondo, grazie ad una formula davvero vincente, con la partecipazione dei più grandi ed interessanti artisti del pianeta e le più belle località della regione che diventano il set per spettacoli da vivere in ogni senso. Proprio quest’anno, in primavera, il Peperoncino Jazz Festival sarebbe dovuto sbarcare a New York, ma gli eventi degli ultimi mesi hanno rimandato l’appuntamento della Grande Mela. Ad ogni modo, tenetelo d’occhio, perché per gli amanti del jazz ci sono concerti assolutamente imperdibili, nella maggior parte dei casi gratuiti.

9) In giro per la Calabria jonica

Per ora, abbiamo parlato solo di Calabria Tirrenica e montana, ma suggeriamo fortemente ai visitatori della regione di considerare anche una visita alle più belle località dell’altro versante della regione, quello che si affaccia sul Mar Jonio. Dal bellissimo castello svevo di Roseto Capo Spulico che domina un mare Bandiera Blu 2020, al pittoresco centro storico di Rossano che custodisce la più antica copia dei Vangeli, il Codex Purpureus riconosciuto come Patrimonio dell’Umanità UNESCO, dalla bellissima fortezza aragonese in mezzo al mare di Le Castella alle spiagge da sogno di Caminia, numerosi sono i luoghi da visitare ed anche i piatti da assaggiare.

10) La zona del vino Lamezia DOC

Per chiudere, ritorniamo vicino al nostro Falkensteiner Club Funimation Garden Calabria. Nel vicinissimo comune di Lamezia Terme, c’è una ricca produzione di vini locali con denominazione di origine controllata Lamezia DOC, creata nel 1978. Vi suggeriamo di fare un giro per le cantine del posto e di degustare queste varietà di vini bianchi, rossi e rosati dalla lunga tradizione che provengono da vitigni come il Gaglioppo, il Greco Nero, il Nocera, il Greco Bianco e la Malvasia Bianca. Resterete sicuramente sorpresi da tanto carattere anche nel vino!

Close
Close