Oh Baby it’s a Wanderful Life Parte II // Alto Adige

Quando il mio sguardo scivola lentamente verso gli spazi infiniti della valle, ogni volta per me è “pura magia”. Il verde intenso dei prati, con i fiori che sembrano allegre note variopinte. Le foreste mistiche con le imponenti chiome degli alberi. E i luminosi laghi di montagna turchesi, dove le maestose cime delle montagne si riflettono intorno alla superficie dell’acqua. – Semplicemente meraviglioso.

La seconda parte della nostra serie di escursioni ci porta nella provincia più settentrionale d’Italia: l’Alto Adige. Il connubio esclusivo tra il terreno alpino e il fascino mediterraneo rende la regione una destinazione turistica molto speciale. Oggi vi mostriamo tre escursioni spettacolari sulle montagne altoatesine.

1 // SENTIERO CIRCOLARE DA MALGA FANE AL LAGO SELVAGGIO E AL PICCO DELLA CROCE

Nel mezzo della regione di Gitschberg Jochtal, nella Val Pusteria, si trova probabilmente il più bel villaggio alpino dell’Alto Adige: la Malga Fane. Questa malga idilliaca non è solo una destinazione molto apprezzata per una gita in famiglia, ma anche il punto di partenza per diverse fantastiche escursioni in montagna. Importante: per quale livello di età e condizione.

Un percorso molto popolare è il sentiero circolare Malga Fane  – Lago Selvaggio – Picco della Croce – Rifugio Bressanone – Malga Fane.

Dal villaggio alpino, si segue il sentiero n. 17 sul versante sinistro della collina, attraverso la gola Schramme. Poco dopo il burrone, si segue il sentiero alpino a sinistra contrassegnato con il n. 18 verso ovest in direzione Malga Labeseben (2.138 m). Da lì, si supera la salita in un ampio anello e si raggiunge il Lago Selvaggio (2.532 m). Il sentiero n. 18 corre a destra, a est del lago, in salita verso il passo Rauhtaljoch a 2.807 m. Una volta arrivati al passo, si segue il sentiero alpino n. 18, che a sua volta attraversa il versante meridionale fino a una terrazza sul fianco di una collina e a sinistra, sul crinale, conduce fino alla cima del Picco della Croce (3.132 m).

Dopo una meritata pausa in vetta si scende di nuovo al passo Rauhtaljoch. Lì un sentiero scende a sinistra sul terreno roccioso o su campi di neve in direzione nord fino all’area erbosa di un’alta valle. Il sentiero conduce quindi verso est fino al Rifugio Bressanone (2.282 m).

La discesa segue il sentiero del rifugio (contrassegnato con il n. 17) verso l’uscita della valle attraverso la gola Schramme fino al punto di partenza della Malga Fane.

2 // ESCURSIONE ESTIVA: TRE CIME DI LAVAREDO

La prossima escursione ci porta a uno dei soggetti fotografici più famosi in Alto Adige. Stiamo parlando delle Tre Cime di Lavaredo in Alta Pusteria. Nel 2009, sono state dichiarate patrimonio mondiale dell’UNESCO insieme ad altre montagne delle Dolomiti. In altre parole, un vero must per gli escursionisti che desiderano vedere e circumnavigare di persona questo imponente punto di riferimento altoatesino.

Il punto di partenza dell’escursione alle Tre Cime è il Rifugio Auronzo a 2.320 m. Per arrivarci si percorre la strada carrozzabile fino a Dobbiaco, quindi si attraversa la val di Landro in direzione Lago di Landro o Misurina. Nei pressi dei due laghi è possibile effettuare una breve sosta per ammirare il panorama naturale e scattare bellissime fotografie. Fermandosi al Lago di Landro, si ha una vista meravigliosa del Monte Paterno, del Monte Piano e della nostra destinazione: le Tre Cime di Lavaredo.

Raggiunto il Rifugio di Auronzo, inizia la vera e propria escursione. Per prima cosa, si segue il sentiero n. 101 in direzione Rifugio Lavaredo, oltrepassando una chiesetta e proseguendo fino alla Forcella Lavaredo. Qui, a 2.454 m, è possibile vedere la parete nord, alta 500 m, delle maestose Tre Cime: la Cima Piccola (2857 m), la Cima Grande (2998 m) e la Cima Ovest (2973 m). Da lì il percorso prosegue leggermente in discesa. Arriviamo direttamente ai piedi del Monte Paterno. Dopo un po’ raggiungiamo un bivio. Qui è possibile proseguire verso il Rifugio Tre Cime di Lavaredo o il sentiero discendente n. 105 che oltrepassa la Malga Lunga e completare il giro attorno alle Tre Cime.

Qui troverai maggiori informazioni sull’escursione e altri suggerimenti.

Info tour: facile // 8,8 km // 550 hm // 04:00 h // adatto alle famiglie

Chi desidera qualcosa di più impegnativo o un’alpinista esperto può effettuare un’escursione dalla Val Fiscalina al Rifugio Tre Cime di Lavaredo ed esplorare così le Dolomiti di Sesto. Dal Rifugio Tre Scarperi si ha una vista di Punta dei Tre Scarperi proprio di fronte.

Info tour: difficile // 15,3 km // 1000 hm // 06:15 h // alpinisti esperti

3 // PARCO NATURALE VEDRETTE DI RIES-AURINA

Anterselva è nota da tempo agli appassionati di biathlon: nel 2020, Anterselva diventerà un luogo speciale per gli atleti di questa pratica, poiché vi si svolgeranno i prossimi Mondiali. Tuttavia, a parte gli sport invernali, la zona offre anche alcuni luoghi particolari per l’estate, come il Parco naturale Vedrette di Ries-Aurina, e molte destinazioni da scegliere per varie escursioni. Dagli escursionisti tranquilli agli alpinisti esperti, c’è davvero qualcosa per tutti.

La zona offre non solo la percentuale maggiore di ghiacciai dei parchi naturali altoatesini, ma anche diversi gioielli naturali e sentieri escursionistici. Un posto molto speciale è il verdissimo lago di Anterselva nell’omonima valle. Per le famiglie, il lago offre un comodo percorso naturalistico con un totale di 16 stazioni che mostrano le catteristiche del lago e della natura locale. È persino possibile percorrerlo facilmente con il passeggino.

Info tour: facile // 3,5 km // 01:00 h // Percorso naturalistico adatto alle famiglie

Ecco l’ultimo tour di montagna nella valle di Anterselva, che ci conduce alla Croda Rossa. Il punto di partenza del tour è il Passo Stalle a 2.052 m. Il percorso è carrabile e arriva anche oltre il Lago di Anterselva, dove è possibile effettuare una breve sosta. La strada del valico di Passo Stalle è una vera attrazione durante la stagione autunnale. Dal parcheggio del valico di frontiera, si segue il sentiero n. 7 in direzione Croda Rossa. Il sentiero è ben segnalato e con una piacevole pendenza.

Una volta in cima si ha una vista fantastica sui ghiacciai delle Alpi della Zillertal, sulle Vedrette di Ries, fino al Großglockner e alle Dolomiti di Sesto. Si può inoltre ammirare il magnifico panorama del lago di Anterselva circondato dalle montagne di Collalto e Col Aspro.

Quando arriva il momento di tornare, si può ripercorrere lo stesso itinerario.

Info tour: moderatamente facile // 6,0 km per direzione // 03:00 h

Cari amici escursionisti, questi erano i tre “must” per una vacanza nelle montagne altoatesine. Se desiderate lasciarvi conquistare dai gioielli naturali altoatesini, dovete assolutamente guardare il tour a 360° , che con un semplice clic del mouse permette di esplorare classici come le Tre Cime di Lavaredo, il Lago di Anterselva e il Lago di Braies.

Close
Close